bevute-insieme

Le abbiamo bevute insieme

Marinella Camerani è nel “carnet” di persone con gli attributi e zero peli sulla lingua di cui amo circondarmi e con cui vorrei avere più tempo da trascorrere. Ci conosciamo da alcuni anni e, sebbene la frequentazione si possa riassumere con un paio di visite in cantina e qualche calice condiviso, l’empatia con questa Signora del vino è stata immediata. Mi piacciono le persone che si prendono sul serio ma mai troppo, innamorate del proprio lavoro e mai sazie di sogni, che sanno ridere di gusto, anche e soprattutto di sé stesse. Ho incrociato così tanti “occhi belli” su questa strada che non basterebbero dieci post per raccontarli (folgorata sulla via di damasco anche da Cecilia Trucchi e Paola Lantieri, giusto per fare due modi, spero avrò tempo e modo di avere “qui” anche loro).

Ma stavamo parlando di Marinella e tempo ben speso. Insomma, ricevo un invito, cito testualmente “ad un pranzo leggero preparato dal Bacco d’Oro con una presenza tutta al femminile” che faccio, rifiuto? Giammai! E poi il tono informale e quel “leggero” mi sembravano innocui. Avremmo trascorso qualche ora assieme, visitato Podere Castagnè (un altro sogno realizzato) finalmente ristrutturato.

Stefania Pompele
www.terrauomocielo.net

Comments are closed.