All posts in Corte Sant’Alda

guide

Le Guide e Corte Sant’Alda

Anche il prossimo anno Corte Sant’Alda sarà ospite nelle guide più illustri dedicate al vino. Nella sezione press potete scaricare l’anteprima della scheda dedicata alla nostra azienda.

Read more…

trame

Corte Sant’Alda oggi

…Non sono poi così importanti gli ettari, a volte vorrei fosse solo uno, così io Cesar potremmo godercelo fino in fondo, a volte vorrei fossero cento, così avrei vino per tutti.

Mi piace Corte Sant’Alda!
Come un arazzo ha preso forma nel tempo in un intreccio fra i fili di trama e quelli di ordito
Read more…

1316438226

La ristorazione parigina sceglie Corte Sant’Alda

Grandi nomi della ristorazione parigina hanno scelto i vini biodinamici di Marinella Camerani

“Tutto ha avuto inizio a seguito di un incontro fortunato con Marc Tonazzo del ristorante parigino I Golosi, un’istituzione pluriventennale della ristorazione italiana tradizionale a Parigi”, dichiara Marinella Camerani, vulcanica vigneronne della Valpolicella e proprietaria dell’azienda agricola Corte Sant’Alda (Valmezzane di Sotto, VR), i cui vini biodinamici sono stati recentemente inclusi nella carte des vins di rinomati ristoranti della Ville Lumière. Read more…

corriere-del-vino

Corriere del Vino: Corte Sant’Alda – L’Amarone al Femminile

Una cantina, una casa. Quella della mia famiglia.

Questo il biglietto da visita di Corte Sant’Alda di Marinella Camerini. Mezzane di Sotto, Valpolicella (Vr).

“Una storia che si muove e si intreccia con la mia vita. Ovvero il senso che voglio dare alla mia vita”. La ricerca di un migliore e possibile bilanciamento delle cose. “Nessun superamento o fuga in avanti”.

Da tempo seguo l’evoluzione dei vini di questa azienda veronese “al femminile”. Scelta di conduzione agricola biologica e dal 2002 in biodinamica. Certificata sia Bio che Demeter. Sulle vallate della Valpolicella si è scritto pagine, pagine e pagine. La storia del vino e la sua presenza da queste parti solcano i secoli.

Read more…

Schermata-2017-03-08-alle-09.59.16

Slow Wine – 8 marzo: i 10 vini di 10 vignaiole che hanno cambiato l’enologia italiana!

Oggi è la Festa della Donna. Alcune donne hanno contribuito, con la loro opera, a creare dei veri e propri capolavori enologici qui in Italia. Per cui, oggi vogliamo raccontare 10 etichette cult, figlie di altrettante vignaiole. Sicuramente ne esistono tante altre che abbiamo omesso (ci scuserete), ma contiamo sul nostro numerosissimo pubblico per cercare di porre rimedio alle lacune che una top list così corta avrà di certo. Ma ora fuoco alle polveri e in ordine geografico (lo stesso adottato su Slow Wine) andiamo a elencare queste dieci bottiglie (cercando di essere anche un po’ attenti a spalmarle sul territorio nazionale).

Corte Sant’Alda – Amarone della Valpolicella Mithas

Marinella Camerani ha saputo imprimere innovazione, passione e classe a tutta la Valpolicella. Read more…

corte-santalda-logo-2016

L’annata 2016

L’annata 2016 si è caratterizzata per temperature lievemente sopra la media nei primi mesi dell’anno, una primavera inizialmente poco piovosa ha poi avuto un incremento delle precipitazioni tra la metà di maggio e i primi giorni di giugno con temperature molto basse per la media di questo periodo.

In queste condizioni le malattie funginee della vite come la peronospora trovano ambienti propizi per il loro sviluppo grazie all’alto grado di umidità e alla costante presenza di acqua sulle foglie. Read more…

img_20161202_162653

Corte Sant’Alda e i suoi olivi

L’olivo è da sempre elemento presente nella nostra provincia, le zone del Lago di Garda e le colline dell’est veronese sono custodi del patrimonio olivicolo scaligero grazie alle loro caratteristiche climatiche e ambientali.

Durante l’inverno del 1889 molti olivi presenti in pianura e nella parte più bassa dell’area collinare vennero decimati dal freddo e dalle gelate. Solo Le zone del lago, della Valpantena, di Mezzane, Illasi e Tregnago non subirono perdite così gravi. Se nella parte occidentale della provincia il clima venne mitigato dalle acque del Garda, nella parte orientale il merito si deve alla bassa umidità ma anche alla presenza di un terreno calcareo roccioso (il biancone) che con i suoi strati rocciosi fratturati ha ovviato agli effetti del gelo. Read more…

dsc_03571

Lavori d’autunno

È arrivato l‘autunno e in cantina il vivace profumo del mosto in fermentazione ha lasciato il posto a un forte aroma vinoso. Stiamo travasando i futuri Ca Fiui, Mithas e Campi Magri di questo 2016 che dopo la fermentazione sostano in vasche e botti per qualche giorno finchè le fecce, precipitando, non si depositano sul fondo. Adesso non resta altro che aspettare una seconda fermentazione, la malolattica. Durante la conversione dell’acido malico in acido lattico i vini rossi lasceranno quei caratteristici sentori “verdi” e delicati lasciando spazio a una struttura più corposa e “limando” la loro tipica acidità giovanile. Read more…

foto 1

L’agricoltore biodinamico

Questo “strano” agricoltore è convinto che la Terra e la Luna si influenzano a vicenda e insieme contribuiscono a far crescere la pianta nel giusto modo e che l’uso del prodotto chimico, dal concime al pesticida, oltre che inquinare l’ambiente, interrompe questo meraviglioso equilibrio cosmico. Read more…

Arazzo LQ

Trame: Marinella

…non sono poi così importanti
gli ettari, a volte vorrei fosse solo
uno, così io e Cesar potremmo
godercelo fino in fondo, a volte
vorrei fossero cento, così avrei
Read more…